Creatrice di meraviglie

Ci piace pensare alla Lupinella come a una ninfa dalla chioma vermiglia. Schiva e riservata, amante dei luoghi impenetrabili. Ad ogni suo passo, cresce l’omonimo fiore, che spinge verso il cielo la sua corolla purpurea. Il rosso è il suo colore: lo stesso delle argille di Montelupo Fiorentino, luogo natìo della nostra famiglia di ceramisti, il cui toponimo richiama leggende e fiabe legate al «principe dei boschi».
Ci piace pensare così alla Lupinella: driade delle foreste, progenie dei lupi, emanazione viva della natura più autentica. Ma anche laboriosa creatrice connessa alla terra, capace di manipolarne i doni della natura in manufatti di autentica bellezza.